LOADING

Type to search

Per i cittadini

Lo Sportello del Contribuente va incontro al cittadino: quello di Piacenza semplifica la complessità

Share

La missione di Kibernetes è rendere semplici e veloci operazioni complesse e quindi semplificare il lavoro non solo a chi sta dietro agli sportelli pubblici ma anche a cittadini, imprese e perfino ai Centri di assistenza fiscale. Ed è quello che è stato fatto con lo Sportello del Contribuente di Piacenza. Il comune emiliano infatti aveva necessità di creare uno strumento informatico che consentisse ai propri contribuenti di conoscere la loro posizione immobiliare e tributaria e regolarizzare i versamenti IMU e TASI, anche con carta di credito. Tutto ovviamente online, senza recarsi negli uffici ma collegandosi allo sportello virtuale predisposto nel sito web comunale.

La presentazione dello Sportello a Piacenza

“Il nostro obiettivo – spiega la sindaca Patrizia Barbieri – è quello di rendere il Comune e la macchina amministrativa sempre efficiente, caratterizzata da trasparenza, accessibilità e chiarezza nei rapporti con il cittadino. Lo Sportello è uno strumento agile ed efficace che va incontro al cittadino su un tema particolarmente sensibile, ma ostico, quale il pagamento dei tributi”. E in questo percorso di semplificazione Piacenza ha scelto Kibernetes.

 

Come funziona 

L’azienda ha interpretato immediatamente le esigenze del Comune, declinando un prodotto informatico facile da utilizzare, implementato nel sito istituzionale. Basta navigare la home page di www.comune.piacenza.it per individuare la sezione Sportello del contribuente. Allo Sportello si accede tramite il Sistema pubblico di identità digitale, Spid, del Comune di Piacenza. Una volta entrati nella propria Area Riservata si avrà accesso a tutti i servizi dell’amministrazione.

Tramite lo Sportello del Contribuente si potrà:

• consultare la propria posizione immobiliare e i versamenti IMU/TASI già effettuati;

• calcolare le imposte in autoliquidazione partendo dalla propria posizione patrimoniale come risulta dalle banche dati comunali, che si potranno modificare;

• stampare il modello F24 o pagare online le imposte con carta di credito;

• comunicare con l’ufficio attraverso un apposito servizio di messaggistica;

• compilare e trasmettere online (con protocollazione automatica) le dichiarazioni e le autocertificazioni IMU/TASI.

I vantaggi 

Per cittadini e imprese i benefici più evidenti sono il fatto di non dover dipendere dagli orari di apertura al pubblico degli uffici comunali (che comunque saranno sempre accessibili nelle consuete modalità) e nemmeno dover necessariamente essere fisicamente a Piacenza per consultare la propria posizione tributaria e immobiliare. Inoltre, il pagamento con carta di credito in assoluta sicurezza agevola ulteriormente il versamento delle imposte.

Ma c’è un altro vantaggio che, a differenza degli altri, è meno evidente: con la compilazione online delle dichiarazioni e delle autocertificazioni IMU/TASI si può beneficiare delle agevolazioni previste dalla normativa tributaria.

Anche per i Caaf 

Tutti questi servizi sono possibili perché “gli immobili di ciascun contribuente sono già caricati nel database dello Sportello”, sottolinea l’assessore al Bilancio di Piacenza Paolo Passoni, che afferma “abbiamo pensato anche ai Caaf del territorio”. Infatti, lo Sportello del Contribuente, oltre a rivolgersi a cittadini e imprese, offre servizi anche ai Centri di assistenza fiscale, che avranno a disposizione un ambiente digitale dedicato, che potranno utilizzare liberamente per erogare servizi ai loro assistiti.

Smart City 

Con lo Sportello del Contribuente, Kibernetes ha partecipato al progetto Piacenza Smart City, al quale il comune emiliano sta lavorando già da alcuni mesi “con l’obiettivo di riposizionare il Comune su livelli più avanzati ed efficaci nell’erogazione dei servizi alla collettività”, come spiega il direttore generale del Comune, Roberto Gerardi. A lui fa eco la dirigente del Servizio entrate, Monica Savi, che sottolinea come “lo Sportello del Contribuente si inserisce in un percorso intrapreso dall’ufficio, volto al miglioramento delle relazioni con il contribuente”.

Ma “lo Sportello è solo uno dei tanti tasselli che costruiranno il nostro progetto di Smart City che garantirà ai piacentini una serie di strumenti innovativi per rendere più facile, veloce e moderno l’accesso a tutti i servizi comunali”, come ricorda la vicesindaco Elena Baio.

Un percorso in cui entrano in scena tanti attori, che riescono a portare a casa il risultato solo se lavorano assieme. E questo lo sa bene Gerardi, che infatti evidenzia come “lo Sportello del Contribuente è un’azione che conferma l’ottimo lavoro di squadra che gli uffici comunali sono in grado di svolgere se adeguatamente guidati verso l’innovazione di processo e prodotto”. Ed è proprio quello che Kibernetes fa da quarant’anni: affiancare gli enti pubblici nel cammino verso l’innovazione.

Redazione Kibernetes 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *